#CONFERENZA DI #THEATER OF THE OPPRESSED SU #AFGHANISTAN E #MEDIOORIENTE E SULL'IMPATTO DEI #SOCIALMEDIA NEI #PROBLEMI FEMMINILI

Posted on at

This post is also available in:

Il 24 Novembre 2013, l'Organizzazione per i Diritti Umani e la Democrazia in Afghanistan (Afghanistan Human Rights and Democracy Organization - AHRDO) ha tenuto una conferenza riguardo ai problemi delle donne a Kabul, in Afghanistan e nel Medio Oriente - una conclusione più che positiva del meeting regionale, durato una settimana, del Teatro degli Oppressi (TO) -  che ha visto la partecipazione di altre nazioni come Afghanistan, Bangladesh, Egypt, India, Iran, Kyrgyzstan, Nepal, Pakistan, e Singapore.  Il Teatro degli Oppressi ha come scopo quello di creare connessioni fra persone consapevoli dei problemi di genere che le donne affrontano. Le informazioni e le conoscenze di Teatro degli Oppressi in Afghanistan e in Medio Oriente si concentrano nel trovare una metodologia che possa essere efficace nella regione per quanto riguarda i diritti delle donne.

L'aspetto interessante di questa conferenza riguarda la condivisione di esperienze, sfide, diversi punti di vista e opinioni su come affrontare la questione dei diritti femminili. I partecipanti hanno presentato diversi punti di vista riguardo ai problemi delle donne nei loro paesi e hanno mostrato come si possa combattere per i loro diritti. Inoltre, è stato discusso come si possa portare pace e risolvere la questione femminile, usando i teatri locali dei vari villaggi per la popolazione urbana.

Fra i vari argomenti trattati, Evan Hastings, che ha partecipato a questa conferenza, ha parlato dell'esperienza dei Teatri d'Ombra in diversi college in India. “Ragazzi e ragazze hanno raccontato e condiviso le loro storie con me nei college e abbiamo formato anche un gruppo di teatro per raccontare le loro storie - e per molti abbiamo davvero fatto un ottimo lavoro"  - ha detto. Ha inoltre aggiunto: “Ci occupiamo di ombre perché la violenza domestica, il rap, le molestie sessuali e i rapimenti  hanno molti effetti negativi sugli studenti e uno spettacolo ombra crea una distanza fra il pubblico e la performance.  Non ha effetti psicologici negativi sulle persone. Ha citato il Teatro degli Oppressi, la terapia teatrale, nonché elementi della cultura Hip Hop come un possibile approccio al progresso sociale tramite l'arte.

La questione femminile è una sfida per le donne nel mondo, che può essere affrontata partecipando attivamente in varie attività sociali. I social network sono un tipo di attività sociale di cui le donne possono servirsi, facendo uso dei vari strumenti dei social media come internet, giornali, canali TV, siti internet, blog, e film, così da impararne la metodologia e discutere a proposito dei benefici e delle sfide che la società e il loro paese ha creato per loro. Questo tipo di attività rende possibile che maschi e femmine siano informati a proposito dei problemi esistenti e che abbiano accesso a delle possibili soluzioni.

Un buon esempio di social media in Afghanistan è  il canale di Women’s Annex, che comprende piattaforme di film making e blog. Roya Mahboob è la fondatrice di Women’s Annex e della Afghan Citadel Company, che si occupa di social media networking. Women’s Annex aiuta le donne ad apprendere come scrivere un buon blog o un buon film, nonché come pubblicarlo sui social network. Inoltre, Women’s Annex ha insegnato alle donne afgane come lavorare utilizzando diversi social media come twitter, LinkedIn, Facebook, Google e Tumblr, per diffondere la loro voce nel mondo.

Questo è soltanto l'inizio per le donne che desiderano cambiare.

Le donne dovrebbero imparare come comportarsi l'una con l'altra, in modo da scoprire le somiglianze esistenti, condividere le proprie opinioni ed i valori in comune.

Un articolo di: Kabul Women’s Annex



About the author

Antonio-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food.

We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 3600
160

advertising