I LIVELLI DELLA MODA: DOVE TI PIACEREBBE STARE A SINGAPORE?

Posted on at

This post is also available in:

di: Nicole Tan


Nel corso di questo post e del prossimo scriverò ed esporrò quello che ho imparato lavorando per un anno nell'industria della moda a Singapore. Durante il mio recente viaggio di ritorno a New York, molti mi hanno chiesto come fosse (o addirittura, se fosse reale) il mondo della moda a Singapore. Se devo essere onesta, mi aspettavo di più.



Da un punto di vista commerciale, mi sarei aspettata maggiore creatività e motivazione. Dal punto di vista di un consumatore, mi sarei aspettata gusto migliore e sostegno più ampio, non essendoci un termine migliore per esprimermi.


Per quelli a cui piacerebbe conoscere o avere una comprensione base dello status attuale dell'industria della moda di Singapore, ecco gli elementi principali da una prospettiva di distribuzione al dettaglio:


1. Fashion e-commerce? Venite da Zalora?


Nominate il termine Fashion e-commerce ed immediatamente Zalora diventerà una società ed un argomento di conversazione che non potrete evitare. Zalora, per quelli che non la conoscono, è un gigante dell'e-commerce fondato da Rocket Internet e vanta $238 milioni di fondi a loro nome. Molti la hanno soprannominata la ASOS dell'Asia sud-orientale. Sono rinomati per il loro marketing SEO molto, molto aggressivo.



2. I tre maggiori venditori al dettaglio/distributori conosciuti a Singapore nel commercio di beni di lusso sono Club 21, F J Benjamin e Valiram Group


Club 21 è famigerato per la loro ricchissima clientela madre-figlia e distribuiscono e possiedono i diritti di diversi marchi esclusivi come 3.1 Philip Lim, Dries Van Noten, Comme des Garcons, Mulberry, Bao Bao, Issey Miyake… (vi siete fatti un'idea).



F J Benjamin presenta una varietà più eclettica, che spazia da Givenchy, Goyard, Tom Ford fino a marche di distribuzione al dettaglio di massa come GAP, Guess e la loro etichetta personale, Raoul, che probabilmente è uno dei marchi di Singapore più conosciuti a livello internazionale.


Valiram Group detiene la distribuzione di Hermes, Salvatore Ferragamo, Versace, Tumi e anche di marchi più accessibili a livello di prezzi come Charles & Keith (di cui LVMH possiede un pacchetto azionario) e Victoria’s Secret.


3. Sottocorrente, se sei un designer locale o sei interessato a conoscere la scena locale/regionale: Blueprint, Workshop Element (W.E) e Inverted Edge meritano di essere seguiti.


Blueprint è stato iniziato da Tracy Philips, un tempo Manager di marketing presso Zouk (il più vecchio e famoso nightclub di Singapore), ed è al momento uno dei migliori spettacoli commerciali per esporre il talento dei designer della regione per opportunità potenziali di export.


Workshop Element, d'altra parte, è stato incominciato da Alfie Leong che possiede anche l'etichetta A.W.O.L. È un collettivo che raccoglie fashion designer locali ed esiste al momento come punto vendita temporaneo al West Gate Mall che si trova a Jurong fino a February.


Per quanto riguarda lo spazio online, (ed ammetterò apertamente le mie faziosità), Inverted Edge è un negozio di fashion e-commerce multibrand che gestisce una collezione di designer dell'Asia del pacifico. È possibile scoprire designer su Inverted Edge attraverso i loro profili, video e a palcoscenici motivazionali.



4. Fast fashion o high street fashion brands : Wing Tai Asia è il tuo migliore amico.


Vi piacciono Uniqlo, Topshop e altre marche del Regno Unito come Miss Selfridges, WAREHOUSE, Dorothy Perkins e Ben Sherman? Wing Tai Asia è il distributore. Oltre al commercio al dettaglio, la società possiede proprietà commerciali e residenziali. Sono anche i creatori di quella che chiamerei una delle carte fedeltà più popolari a Singapore; la F3 Community (tutti coloro che sono cresciuti a Singapore sono praticamente membri). Ho ancora la mia e la uso tuttora.


5.  Media, modelle ed il resto


Al momento, non ci sono agenzie di PR degne di nota che trattino specificamente o per la maggior parte in moda (ossia KCD, PR Consulting e i loro equivalenti non esistono). I concetti di showroom, settimana di mercato o appuntamenti di mercato sono ancora termini di cui non si sente parlare. I fashion media, invece, affittano i vestiti direttamente dai distributori o dai venditori al dettaglio.


Le maggiori pubblicazioni di moda sono acquisite sotto licenza e sono o sotto la Singapore Press Holdings (SPH) o sotto Mediacorp, entrambe istituzioni regolamentate dalla Media Development Authority (MDA).


In termini di talenti, la ricerca di modelle da passerella di qualità internazionale è ancora un problema che deve essere risolto con urgenza (soprattutto considerando le quote delle agenzie).


Le due maggiori fashion week di Singapore sono la Audi Fashion Festival e la FIDé Fashion Weeks. Uno show è chiaramente più organizzato dell'altro e può essere identificato con chiarezza dalla folla. Quello che preoccupa di più, tuttavia, è la mancanza di editori di media internazionali e di compratori, sia a livello locale che internazionale.


Ahimé, l'industria della moda a Singapore è ancora molto, molto giovane. Ed è importante far notare che tutto deve avere inizio da qualche parte. 


-----


Christine Pomeranz, professoressa e presidentessa di International Trade and Marketing for the Fashion Industries al Fashion Institute of Technology




About the author

Antonio-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food.

We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 3600
160

advertising