IL CORRISPONDENTE MUSTAFA KAZEMI RIGUARDO AI MEDIA AFGANI E ALL'OPERAZIONE DI FILM ANNEX PER L'ALFABETIZZAZIONE DIGITALE

Posted on at

This post is also available in:

" Film Annex e Women's Annex stanno facendo un lavoro di cui c'è davvero bisogno. Dopo un periodo di disordini politici e di guerra civile, i media, come qualsiasi altro campo, si trasformano ed assumono un nuovo sistema di funzionamento. Se non fosse per queste società, non verrebbe portato avanti in una rivoluzione tanto rapida l'obiettivo della digitalizzazione e del passaggio dei media dalle cassette e dai nastri analogici dell'Età della Pietra verso un'epoca dove un organo di stampa senza una presenza stabile su Twitter, Facebook o su internet in generale non ha senso di esistere."

Mustafa Kazemi è un corrispondente di guerra indipendente di stanza in Afghanistan. Ha collaborato con Mashable ed è noto per i suoi tweet durante gli attacchi e gli scontri a fuoco con i Talebani.

FA:  Ci puoi raccontare in breve qualcosa di te e del tuo background?

MK: Sono nato a Kabul. Mio padre è stato esiliato in un'altra provincia dopo essersi rifiutato di arruolarsi nell'esercito come dottore militare. Sono andato a scuola in tre province e ho imparato l'inglese durante il regime dei talebani. Ho ottenuto in India il mio diploma di laurea in letteratura inglese e giornalismo. Ho lavorato a lungo per le Nazioni Unite e per la NATO e di recente ho prestato servizio presso le Forze Armate Speciali Afgane. Al momento sono un corrispondente di guerra e mi occupo dei disordini di guerra e politici in Afghanistan e nei paesi vicini.

FA: Di che tipo di storie ti occupi? Perché?

MK: Mi concentro soprattutto sugli eventi militari e politici che accadono in Afghanistan. Mi occupo di tutto, dall'esplosione di mine al nominare i soldati della NATO che perdono la vita in attività antiguerriglia in Afghanistan. Come ex soldato e giornalista, penso di sfruttare al meglio le mie capacità occupandomi di guerra; inoltre non ci sono molti giornalisti che si concentrano in questo campo specifico.


 FA: I media stannno attraversando un periodo di grande cambiamento a causa delle nuove opportunità per i giornalisti indipendenti di scrivere blog e di diffondere le loro storie online. Cosa ne pensi di questo fenomeno? Può cambiare il giornalismo in Afghanistan?

MK: Certo che può. I media in Afghanistan stanno assumendo una forma nuova dopo quasi quattro decadi di guerra civile. I giornalisti afgani & i media hanno chiaramente capito che devono tenersi al passo con i trend globali in media ed in giornalismo - e hanno raggiunto questo obiettivo quasi completamente. Inoltre posso affermare con certezza che l'Afghanistan ha un governo che sostiene fortemente la libertà di parola. Questo, insieme ai nuovi cambiamenti che i media stanno intraprendendo, renderà il giornalismo dell'Afghanistan e il campo dei media uno dei più riusciti e, per questo motivo, più affidabili nel futuro prossimo.

 FA: Stai contribuendo a molte pubblicazioni internazionali che trasmettono notizie live dall'Afghanistan. Cosa ne pensi del contributo dei giornalisti afgani alle pubblicazioni straniere?

MK: Hanno contribuito notevolmente a queste pubblicazioni straniere. Infatti se arrestassero il loro sostegno ed i loro contributi, i media al di fuori dell'Afghanistan avrebbero molti problemi ad occuparsi delle notizie afgane. Ci sono molti giornalisti afgani che sono diventati una fonte affidabile di notizie per queste pubblicazioni. Abbiamo anche giornalisti che si occupano di tutte le notizie del paese, da soli, senza l'aiuto di staff aggiuntivo, fattore che dimosta l'importanza del loro contributo.

 FA: Cosa ne pensi delle società come Film Annex che promuovono l'alfabetizzazione digitale in paesi in via di sviluppo come l'Afghanistan?

MK: Stanno facendo un lavoro di cui c'è davvero bisogno. Dopo un periodo di disordini politici e di guerra civile, i media, come qualsiasi altro campo, si trasformano ed assumono un nuovo sistema di funzionamento. Se non fosse per queste società, non verrebbe portato avanti, in una rivoluzione tanto rapida, l'obiettivo della digitalizzazione e del passaggio dei media dalle cassette e dai nastri analogici dell'Età della Pietra, verso un'epoca dove un organo di stampa senza una presenza stabile su Twitter, Facebook o su internet in generale non ha senso di esistere.

Mustafa Kazemi si è iscritto di recente a Film Annex. Iscriviti per ricevere ulteriori aggiornamenti.

 

Fereshteh Forough

Subscribe to my blogs and Women's Annex so you don't miss the next articles.



About the author

Antonio-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food.

We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 3600
160

advertising