ROYA MAHBOOB SOSTENUTA DAL SEGRETARIO JOHN KERRY ALLA GEORGETOWN UNIVERSITY CON HILLARY CLINTON E LAURA BUSH

Posted on at

This post is also available in:

L'educazione delle donne in Afghanistan si sta espandendo rapidamente nel discorso politico dominante. Al Simposio della Georgetown University “Advancing Afghan Women” della scorsa settimana, il Segretario di Stato degli U.S.A. John Kerry ha ha parlato a lungo dell'importanza dell'emancipazione femminile in Afghanistan, citando Roya Mahboob, membro del consiglio di amministrazione della fondazione Women's Annex come un fulgido esempio del potenziale economico e degli effetti a lungo termine dell'educazione femminile in Afghanistan.

Kerry ha parlato francamente del suo primo incontro con Roya Mahboob, che è anche il CEO di Afghan Citadel Software Company ed è stata nominata qualche mese fa una delle 100 persone più influenti secondo il TIME . Mahboob è impegnata inoltre nel difficile campo della filantropia sostenibile ed ha vinto un progetto governativo afgano che vede utilizzati i suoi guadagni, in collaborazione con Film Annex, per fornire accesso Internet a 50000 ragazze ad Herat, in Afghanistan.


Il segretario ha citato i numerosi ostacoli che le donne afgane come Mahboob devono superare quando si impegnano in iniziative imprenditoriali: "Le [autorità locali] hanno fatto pressioni persino sulla sua famiglia per far chiudere la sua attività. Ma lei, come molte delle donne sedute qui e come molte donne in Afghanistan, si è rifiutata nel modo più assoluto di farsi intimidire

Kerry ha aggiunto: “Noi tutti sappiamo che creare opportunità per le donne non è soltanto la cosa giusta da fare. È anche una necessità strategica.”

Kerry ha parlato nuovamente del successo di Mahboob anche in un articolo del Politico.

Il Segretario di Stato non è stata l'unica figura politica che questa settimana ha patrocinato la causa di un sistema educativo che includa maggiormente le donne in Afghanistan. L'ex First Lady Laura Bush ha firmato un articolo sul Washington Post, evidenziando che cosa c'è realmente in gioco quando si parla dell'empowerment femminile in Afghanistan, delineando un paralleolo interessante con la nostra nazione: “Abbiamo imparato dalla nostra storia — dalla Guerra Civile al soffragio femminile e ai diritti civili — quanto sia difficile e lunga la strada verso la libertà. Le persone in Afghanistan, che proseguono lungo la propria strada verso la libertà, devono sapere che siamo con loro.”

Da quando la questione dell'educazione femminile in Afghanistan è entrata per la prima volta nel discorso politico nei primi anni del 2000, il sistema educativo e l'economia dell'Afghanistan hanno compiuto grandi passi avanti. Nel 2001, solo 900000 bambini afgani erano iscritti a scuola - oggi sono quasi 8 milioni, e più di un terzo di loro sono bambine. Inoltre, il 60 % degli afgani al giorno d'oggi vive a meno di un'ora di distanza dai servizi sanitari, rispetto al 9 % del 2001.

Ancora più interessante da una prospettiva imprenditoriale è l'accesso alle informazioni, con l'80 % delle donne afgane che possiedono un telefono cellulare - praticamente nessuna ne possedeva uno nel 2001.


I vasti benefici globali di una forza lavoro femminile più istruita ed emanticata non sono mai stati così chiari - o resi più pubblici. Come ha dichiarato Roya Mahboob al Newsweek l'anno scorso, "bisogna mostrare a tutti che donne e uomini sono uguali. Le donne possono fare qualcosa, se viene loro permesso. Basta dare loro la possibilità e potranno dimostrarlo."



About the author

Antonio-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food.

We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 3640
160