Come è nato il mio Flip Book "Making Faces" (Parte 5)

Posted on at

This post is also available in:

Pubblicare i miei flip book è sempre stato molto gratificante, mi ha permesso di vendere e mostrare i miei lavori a persone di tutto il mondo. È bellissimo sapere che i propri lavori siano apprezzati dagli altri!

Sono particolarmente soddisfatto dalla realizzazione sia del film che del flipbook di "Making Faces", in quanto basati non su una storia, ma su un'illusione ottica. A volte, quando comincio a pensare a un nuovo film o ad un nuovo flip book, parto da una determinata immagine. Nel caso di "Making Faces" l'intera storia si basa su dei personaggi che, coprendosi il volto con le mani, cambiano totalmente.

Nella cinematografia sperimentale, questo tipo di approccio è definito "strutturale". Un effetto visivo che viene esplorato grazie ad una serie di variazionei sul tema. Mi è piaciuto particolarmente trovarmi di colpo davanti ad un nuovo personaggio, con l'ambiente circostante totalmente diverso. Mi piace viaggiare nel tempo e nello spazio, per davvero! Lol. Inoltre, i movimenti ripetitivi hanno un leggero effetto ipnotico, un po' come fissare una macchina che crea senza sosta nuovi personaggi.

Questo è ciò che mi piace di "Making Faces". 

Godetevi, buzzate e condividete i miei due film qui sotto!

 

Articolo originale: http://www.filmannex.com/blogs/how-i-made-my-flip-book-making-faces-part-five/266219/

 

Traduzione dall'inglese a cura di Nadea Translations.

 

Vi è piaciuto questo blog? Vorreste entrare a far parte della comunità di Film Annex, il primo Social Network a premiare economicamente i propri utenti? Nulla di più facile. Seguite questo link!

 



About the author

Antonio-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food.

We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 3639
160