FIlm Noir e Fantascienza? Phantom From Space del 1953

Posted on at

This post is also available in:

Traduzione dall'inglese a cura di Nadea Translation
Articolo originale: www.filmannex.com/blogs/film-noir-sci-fi-1953s-phantom-from-space/205489/

Mescolare generi cinematografici di certo non è una rarità nei film e nella fantascienza e i film noir sono un matrimonio che spero accadrà di nuovo. "Bladerunner"è un esempio perfetto. Trentanni prima di questo film, una simile unione di generi si era presentata con il film del 1953 "Phantom From Space." Potrebbe essere eccessivo definire questo film come "noir", ma prende in prestito una tattica utilizzata proprio nei film noir e nei drama polizieschi dell'epoca: le procedure poliziesche come tecnica narrativa. "Phantom From Space" si apre con la ripresa di alcune nuvole che coprono il sole e, in seguito, alcuni lampi accompagnati da una musica che suggerisce un senso di terrore. Sembra l'inizio tipico di un film fantascientifico/horror degli anni '50, ma è seguito da una lunga narrazione che descrive la storia seguente come tratta da un file segreto a DC. Sono presenti filmati di aeroplani, navi, stazioni radar e la narrazione di un avvisamento UFO in Alaska, documentato secondo ora di avvistamento, luogo, altitudine e velocità. Un tentativo di intercettazione non produce risultati e l'UFO scompare all'altezza di Santa Monica. I centralini impazziscono, gli agenti governativi diventano frenetici, appaiono veicoli tradizionali ma muniti di antenne giganti, è tutto molto serio!

     "Phantom From Space" è stato prodotto da W. Lee Wilder e scritto da Bill Raynor e Myles Wilder, figlio di Wilder (un trio già collaudato negli anni cinquanta). È il classico film di intrattenimento, realizzato senza avere alle spalle un budget miliardario, e la cosa si vede. Com'è possibile maneggiare del materiale radiattivo usando semplicemente dei guanti di gomma? Come fanno a restare vivi? Non vi dirò altro, vi lascerò il piacere della scoperta. L'elmetto spaziale invece mi è sembrato figo. Mi ha ricordato Bane in "The Dark Knight Rises" con quel sistema di tubi. E l'intero film mi ha ricordato il documentario 'found-footage' norvegese "Troll Hunter," in which outlandish material is presented to us as serious in a reality that has assimilated the outlandish as fact. Be sure to catch that great movie before the remake is done (to be helmed by British director Neil Marshall). 

Ci sono molte scene di "Phantom From Space" e in tanti altri B movies che causano involontariamente ilarità nello spettatore (ad esempio la scena del poliziotto e dell'alieno), lasciandoci addirittura basiti di tanto in tanto, MA! i B movies dell'epoca erano realizzati da studios indipendenti con budget estremamente limitati. Forse, semplicemente, adoro i vecchi film. Film che raccontano qualcosa del periodo in cui sono stati realizzati. Un tizio a tratti radioattivo e a tratti magnetico che viene attaccato da tutti senza un motivo apparente. Forse l'unica possibilità di contattare una specie aliena, così, persa per sempre. Gli anni cinquanta erano un periodo di paura, e nella fattispecie, la paura di quel che non si conosce è sempre stata gettonata nel corso degli anni.

Vieni a vedere altre capsule del tempo e B movies nella mia Baxter Martin WebTv

Leggi i miei blog precedent su: http://www.filmannex.com/webtv/baxter_martin/blog-posts



About the author

Irene-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food. We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 2387
160