L'importanza di credere al proprio istinto - Director's Journal

Posted on at

This post is also available in:

Il modo in cui ho realizzato praticamente tutti i miei lavori è stato quello di dare libero sfogo al mio istinto. Spesso non so dove una determinata idea mi porterà, se vorrà dire qualcosa o meno. È la parte difficile. Ad ogni modo, nella mia breve e modesta esperienza, procedere in questo modo si è dimostrato molto fruttuoso per me, sia in termini di realizzazione artistica che in quelli di genuinità quando si parlava del prodotto finito.

Ora, probabilmente vi starete chiedendo cosa vuol dire dare libero sfogo al proprio istinto. Mi spiego meglio. Ci sono due modi per realizzare qualcosa

- Coscientemente (Seguendo la logica)

- In modo subconscio (Seguendo l'istinto)

In molti sono capaci di realizzare cose fantastiche semplicemente usando il proprio intelletto in modo cosciente. È il caso di lavori come "Inception". Nel mio caso, invece, procedere in questo modo non funziona, non mi piace dare una direzione alle mie idee. Lascio che vadano dove voglio, "scoprendole" in un certo senso. Mi piace farmi sorprendere. Per darvi un esempio, l'intro di questo corto (le pagine che scorrevano contro lo sfondo bianco) è un'immagine che ha preso vita nella mia testa, non so come.

>

Non voglio sapere come ne sia scaturito il corto. Ho iniziato a registrare, lasciando che il lavoro stesso mi mostrasse come procedere. Dopo aver finito la prima registrazione, mi è venuta un'altra idea (la prima scena). E così un'altra e un'altra ancora. È praticamente così che ho realizzato il corto in questione. Per essere onesti, vi svelerò un segreto. La sequenza "Irene in the flower gardern" mi era totalmente estranea. Non ne riuscivo a capire il significato, mentre filmavo! Ma in qualche modo ho lasciato correre, sapevo che avrebbe significato qualcosa.

Un altro esempio estremo potrebbe essere il mio ultimo corto “La Patria Dormida”. Ho filmato i primi spezzoni due anni fa, senza una ragione in particolare, stavo semplicemente seguendo il mio intuito. Come avrei potuto sapere che due anni dopo avrei avuto ancora quelle immagini in testa, portandomi così a filmare l'altra metà dell'opera?

>

Alla fine, non importa quanto strana la tua idea sia, le persone cercheranno comunque di darle un senso. Se mi è permesso darvi un consiglio, è quello di lasciare che il vostro istinto vi guidi. Rimarrete sorpresi e capirete di più su voi stessi.

Buon lavoro!

 

Articolo originale: http://www.filmannex.com/blogs/the-importance-of-trusting-your-instincts-directors-journal/159041



About the author

Irene-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food. We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 2387
160