HAUTE COUTURE | QUANDO LA MODA SMETTE DI ESSERE UN DURO LAVORO E DIVENTA VERA ARTE

Posted on at

This post is also available in:

Di Ksenniya Grisé

Le principali città della moda combattono da molto tempo per ottenere lo status di capitale del mondo della moda, ma c'è sempre stata e sempre ce ne sarà una la cui storia ed eredità culturale hanno fatto diventare la fiera detentrice del titolo tanto desiderato: Parigi.

A partire dai giorni di Versailles e di Maria Antonietta, la capitale francese è stata il luogo dove la moda è nata e si è diffusa in tutto il mondo.

SCHANEL HAUTE COUTURE

All'inizio del diciottesimo secolo, donne da tutta Europa venivano a Parigi alla ricerca del vestito perfetto e la città, con i suoi sarti principali e più famosi e i tessuti e gli accessori di primissima qualità aveva molto da offrire. Ma per i più danarosi non era abbastanza. Quelle donne volevano essere speciali e possedere qualcosa che non avesse nessun altro. Avvertendo il bisogno di un approccio più personale, Charles Frederick Worth aprì un atelier che è diventato la prima casa haute couture. Ora, dopo innumerevoli prove, le signore potevano possedere una vera opera d'arte - un abito molto speciale, fatto su misura, unico al mondo, realizzato con i migliori materiali posssibili. Ecco come iniziò l'era dell'haute couture. Presto ci furono più di un centinaio di atelier in tutta Parigi che si specializzarono in ordini su misura.

Abito da sera, ca. 1887 Charles Frederick Worth (Francese, nato in Inghilterra, 1825–1895)  Seta, vetro, filo metallico

 

Sono passati molti anni. E nonostante il concetto di haute couture rimanga lo stesso, il mercato è cambiato drammaticamente.

Realizzando il potere dell'haute couture, molte marche in tutto il mondo iniziarono a sfruttarlo eccessivamente e a svuotare di senso il termine, applicandolo a tutto, dai profumi agli accessori. Così facendo, il suo significato ed il suo status elevato vennero sminuiti.

Per fermare l'epidemia mondiale di couture, il governo parigino ha trovato la soluzione nel fondare un'associazione spciale che sopraintendesse all'intera industria nazionale, The Chambre Syndicale de la Haute Couture. L'Haute Couture divenne un' "etichetta protetta e controllata legalmente che può essere usata solo da quelle case di moda a cui è stata conferita una nomina dal Ministero dell'Industria francese”. L'elenco dei possessori del titolo è revisionato annualmente.

Entro il 2014 il numero delle case officiali di couture è sceso a meno di venti e la clientela femminile è significativamente diminuita e cambiata. Si dice che ora ci siano meno di 2000 clienti al mondo. E queste donne provengono soprattutto dai ricchi paesi dell'Est - Arabia Saudita, Qatar, gli Emirati Arabi e il Kuwait.Ma il fatto che le sedici più importanti case di haute couture spendano migliaia di ore e centinaia di metro dei tessuti migliori in una collezione haute couture per avere la possibilità di vendere a 2000 donne, non suona paradossale?

Niente affatto. Quando parliamo di haute couture, non stiamo parlando di profitto finanziario, stiamo parlando di artigianato, esclusività e creazione di qualcosa di veramente unico e speciale, qualcosa che durerà per sempre e che lascerà il segno nella storia della moda.

Mettere così tanti sforzi in una collezione couture porta a risultati molto più grandi, a qualcosa che è al di sopra di tutto il denaro sulla terra - a riconoscimento, prestigio, rispetto. È un investimento a lungo termine ed il profitto viene in seguito, dato che il successo dello show haute couture della marca porterà successivamente al profitto finanziario di vendere la propria collezione pronta da indossare.Ulyana Sergeenko 

La settimana della moda haute couture quest'anno continua a mantenere e proclamare Parigi come capitale del mondo della moda. Sono davvero orgogliosa di vedere un nome russo nella lista. Ulyana Sergeenko ha fatto uno splendido lavoro, la loro collezione Oriental Express possiede lo spirito russo proprio come noi russi lo concepiamo.

E anche se le modelle allo show di Chanel di questa stagione indossavano sneakers, considero ancora l'haute couture una forma reale di moda, di cui vestiti stupendi sono la prerogativa. Grazie a Dio ci sono Elie Saab e Valentino, che condividono il mio punto di vista. I loro vestiti, che sembravano usciti da una fiaba, hanno trasformato quest'evento in un paradiso della moda, precisamente quello che dovrebbe essere l'haute couture.Foto: Valentino

--

Altro sulla moda di Parigi

 (Traduzione dall'inglese a cura di Nadea Translations)



About the author

Antonio-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food.

We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 3600
160

advertising