SXSW: giorno 10 e oltre

Posted on at

This post is also available in:

Articolo originale: http://www.filmannex.com/blogs/sxsw-day-10-and-beyond/146147

 

In seguito al grande incidente ho saltato due giorni di SXSW. Un po' perché non me la sentivo di scendere a downtown, ma anche perché avevo altri affari collegati al film da sbrigare. Venerdì è stato il mio primo giorno sul set come produttore di campo e regista per Omiro Films. Giriamo 3 cortometraggi a settimana, tutti a proposito delle leggi in Texas. Una mia amica appartenente all'industria cinematografica si occupa in genere di questo lavoro, ma quando lascia il paese per girare qualcosa tocca a me fare le sue veci. Si tratta di un lavoro complesso, ma sono felice di espandere il mio curriculum di direzione e produzione oltre a TurtleDove. Abbiamo avuto abbastanza tempo, dopo le riprese, per prendere qualcosa per cena prima di occuparci di una lettura preliminare per un film in cui recitiamo sia io che Duncan. Avevamo pianificato di andare al cinema per vedere uno spettacolo di mezzanotte, ma downtown era letteralmente IMPAZZITA. Il luogo di incontro si trovava proprio a nord di questo agglomerato di follia, quindi abbiamo dovuto attraversarlo in auto per raggiungere il nostro solito parcheggio: è bastato il semplice volume di gente che camminava per le strade a farci pensare due volte prima di andare a vedere un film in centro a tarda notte.  

Sabato, tuttavia, ci siamo rifatti per i due giorni precedenti. Di mattina abbiamo fatto colazione con una produttrice che ha fatto delle donazioni per la nostra campagna Seed & Spark. Produrremo una breve sceneggiatura scritta da lei, quindi ci siamo incontrati per parlarne. L'incontro è stato molto produttivo e Richelle è stata assolutamente deliziosa. Dopo "9 days of South by" avevamo ricevuto nuovi stimoli per iniziare a lavorare ad alcune sceneggiature, ma questo incontro è servito a darci ulteriormente la carica. Rimanete con noi per ricevere altri aggiornamenti!

Dopo questo incontro siamo andati a vedere "Space Station 76," un film fortemente stilizzato che parlava di persone che vivono nello spazio. Era proprio il tipo di film che piace a me e a Duncan. Penso che sia uno dei migliori film che abbia visto in questo festival! Matt Bomer, in particolare, era davvero affascinante sullo schermo. Oltre alle scelte curate del cast, ho apprezzato particolarmente il design del film. Era ambientato in un periodo che non è mai realmente esistito, né esisterà mai. Era il "futuro", ma era anche chiaramente influenzato dall'influenza degli anni '70. Dopo il film il direttore ha detto poche parole e ha dato inizio a un Q&A in cui ha spiegato che le influenze degli anni '70 derivavano dalla sua giovinezza trascorsa proprio in quegli anni, fatto che ho trovato molto interessante. Lo sci-fi è proprio il mio genere e ne ho apprezzato ogni singolo minuto. C'erano delle parti lente, ma mi sono sembrate molto realistiche, in contrasto con il contesto decisamente irreale. Un grande accostamento.

Subito dopo "Space Station 76" ci siamo diretti alla proiezione di "The Doug Benson Movie Interruption". Doug e molti altri comici famosi che erano in città per SXSW hanno parlato della loro interpretazione di "Big Trouble in Little China" ed è stato davvero esilarante. Non solo il concept dell'evento era geniale, si svolgeva anche alla Alamo Drafthouse, quindi ci siamo trovati in un contesto assolutamente informale, dove potevamo mangiare e berci le nostre birre con questi comici, come se stessimo semplicemente passando il tempo nel salotto di casa. Non avevo mai visto il film, ma ho trovato i loro commenti esilaranti, quindi non mi sono certo pentita di essere andata a sentirli.

Dopo Movie Interruption, abbiamo deciso di compensare per i giorni passati e fare il tris. Siamo andati al Vimeo Theatre per guardare il vincitore della categoria delle serie televisive, un nuovo show HBO, "Silicon Valley." È interpretato da alcuni fra gli attori più divertenti al mondo, fra cui Martin Starr (un comico che mi ha rubato il cuore a partire da "Freaks and Geeks") ed è stato davvero piacevole. La storia parte da un gruppo di nerd che convive a silicon valley e che lavora per sviluppare il prossimo "colpo grosso" nel campo dello sviluppo delle app, o in qualche nicchia di internet che ancora non è stata reclamata. Ci hanno mostrato i primi due episodi. L'ho trovata davvero divertente e interessante, ma sono ancora in dubbio se registrarla per continuare a guardarla. Probabilmente lo farò perché, ehi, adoro la televisione, ma non so se avrei iniziato a seguire questa serie se non fosse stato per la proiezione. 

Questo è stato il mio primo sabato a SXSW. Restate con me per ulteriori aggiornamenti sul mio post-mortem a proposito dell'intero festival. Parlerò di com'è stato trovarmi lì come persona del posto fra migliaia di persone provenienti da altri luoghi e di cosa ho pensato del festival in generale, dopo aver partecipato alla parte cinematografica di quest'anno. Buona lettura! baci.



About the author

Irene-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food. We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 2387
160