Il successo al botteghino di Orson Welles: the Stranger

Posted on at

This post is also available in:

     Orson Welles, consolidata celebrità radiofonica, fece la sua comparsa sul grande schermo – a soli 25 anni -  con “Citizen Kane” – (Al primo posto della AFI’s Top 100 di tutti i tempi!) nel 1941, successo replicato poco dopo da un altro grande capolavoro, “The Magnificent Ambersons”. Se questi film sono oggigiorno osannati dalla critica, all’epoca furono dei veri e propri disastri finanziari, che costrinsero Welles fuori dalle scene per quattro lunghi anni. Nel 1946, Welles ritornò alla carica con “The Stranger”, in cui recitava in compagnia di Edward G. Robinson e Loretta Young. Welles dovette accettare una sceneggiatura già impostata, che non poteva modificare per contratto. Gli attori sono stati scelti in un secondo momento. Il futuro vincitore di tre premi Oscar ("On The Waterfront," "The Bridge On The River Kwai," e "Lawrence of Arabia") Sam Spiegel (all’epoca conosciuto come S.P. Eagle) sarebbe stato il garante per gli studios. Welles accettò anche di pagare di tasca propria le spese aggiuntive.

Nonostante queste restrizioni, Orson Welles rese “The Stranger” distintamente Wellesiano. Devo ammettere che Welles è uno dei miei registi preferiti e che l'aspetto che amo di più dei suoi lavori sono le luci. “The Stranger” inizia con il primo piano di una porta, con affisso un cartello che riporta la scritta "Allied War Crimes Commission”. Diestro la porta si cela un certo Mr. Wilson, interpretato da Edward G. Robinson, il quale esorta i suoi interlocutore a liberare un nazista in modo da arrivare a trovarne uno ancora più potente, affermando enfaticamente che il suo dovere consiste proprio nel tenere a freno queste atrocità. La scena si sposta quindi sul nazista liberato, Konrad Meinke, (Konstantin Shane), mentre entra ed esce dall’ombra. Mr. Wilson segue Konrad in Harper, Connecticut, con il grandangolo che continua a seguire Mr. Wilson e l'angolo basso che inquadra costantemente Konrad. Queste tecniche, all’apparenza così semplici, sono usate in "The Stranger" in modo entusiasmante. Filmano la scena, la persona, lo sfondo. Le luci sono usate allo stesso modo, Welles scelse per questo ruolo il migliore sulla piazza, chiedendo al fotografo e premio oscar (per “Spartacus) Russell Metty di dirigere la fotografia di questo film (e dell’epitaffio noir di Welles “Touch of Evil” nel 1958).

     È assurdo  pensare che "The Stranger" sarebbe stato mess a disposizione del pubblico, ma è così che sono andate le cose. La brava gente di Kino ha ripubblicato un dvd blu-ray rimasterizzato in HD, tratto da una versione originale in 35 mm conservata alla Libreria del Congresso. È davvero un piacere guardare  Orson Welles E Edward G. Robinson lavorare insieme. È inoltre interessante notare che Orson Welles avrebbe desiderato la sua compagna al Mercury Theater, Agnes Moorehead, che aveva anche preso parte ai suoi primi due film, per il ruolo di Mr. Wilson, ma che quest'idea è stata rifiutata dal produttore. I suoi personaggi di contorno sono sempre stati caratterizzati da una recitazione eccezionale e questo film non fa differenza. Il mio preferito è il proprietario del negozio di articoli generali, Mr. Potter, interpretato da Billy House. Da dietro alla cassa del suo negozio, è una specie di cane da guardia della città, sempre pronto a giocare a scacchi. È pronto all'azione. Billy House è come l'Andy Serkis degli anni 30 e 40 ed è stato usato come modello per le animazioni in live-action della Disney per i nani di "Biancaneve", in particolare per il personaggio di Dotto.

     "The Stranger" è decisamente un film ricco, sia nelle tematiche che nell'aspetto. È stato il primo film ad usare veri filmati dell'olocausto. Mr. Wilson usa il filmato per far conoscere a Loretta Young le atrocità, non tanto remote, compiute da suo marito. La storia ha un'atmosfera cupa, ma mai soffocante, che rimane più sullo sfondo che in primo piano. "The Stranger" è un grande film e, se non avete mai visto un'opera di Orson Welles, beh, dovreste, e perché non incominciare con il suo unico successo al botteghino? Buona visione!

Potete guardare "The Stranger" su Youtube: http://www.youtube.com/watch?v=yu8-V9JRX_g

 



About the author

Irene-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food. We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 2387
160