COMUNICAZIONE SENZA CONFINI - PER SALVARE IL POPOLO SIRIANO

Posted on at

This post is also available in:

Da ormai tre anni, il popolo siriano si è trovato catapultato all'inferno. Sono passati 34 mesi di scontri senza sosta... e la pace si allontana ogni giorno di più. A seconda dell'area del paese presa in considerazione, la popolazione civile ha resistito - e continua a farlo, sopportando ogni tipo di deprivazione e ingiustizia:  la mancanza dei servizi più elementari, la fame, gli attacchi chimici e le esecuzioni sommarie, solo per citarne alcune. Spesso non riesco nemmeno a finire di leggere gli articoli che raccontano la Guerra Civile Siriana, il senso di colpa mi opprime, le immagini delle atrocità commesse da ambo le parti sono un pugno allo stomaco. Mi sento colpevole, colpevole di non trovarmi in una situazione simile, fortunato nel vivere in un paese che potrebbe - e dovrebbe - fare di più, per salvare vite umane.



Questo non è un articolo politico. Ho ovviamente una mia idea sulla situazione, ma non è il momento di schierarsi con un gruppo o con l'altro, esaltandone i meriti ed omettendone le atrocità. Questo articolo è invece un appello diretto al popolo siriano, a tutti quelli che non imbracciano un'arma, ma stanno comunque soffrendo per questa guerra senza fine, senza averne responsabilità alcuna. La situazione in Siria non potrebbe essere più complessa, e proprio a causa di questa complessità, è difficile intervenire dall'esterno. Ci sono troppo forze in gioco, e mentre la Comunità Internazionale sta ferma, incapace di arrivare ad un compromesso che metta fine alle barbarie, innocenti siriani continuano a essere uccisi, ogni giorno. Non sappiamo nemmeno quante persone abbiano già perso la vita (almeno 100,000), ma siamo sicuri che le vittime sono destinate ad aumentare, se non si interverrà.

I ribelli siriani combattono contro il regime di Assad per l'indipendenza. Le forze di Al-Qaeda hanno approfittato della situazione, schierandosi contro i ribelli, cercando di ottenere la supremazia. Allo stesso tempo, Assad e Al-Qaeda sono in guerra per il controllo del paese. Appena l'Occidente ha capito che Al-Qaeda era entrata nel conflitto, si è ritirato in uno stato di passività, nella speranza di Al-Qaeda e Assad si annientino tra di loro. Nel frattempo, lo stesso Assad approfitta dell'indebolimento dei ribelli, impegnati contro Al-Qaeda, pianificando le prossime mosse. Se questo non fosse abbastanza, la Cina e la Russia hanno paralizzato le Nazioni Unite, speculando così sulle vite della gente siriana, mentre l'Iran continua a rifornire il regime di Assad con armi e munizioni.
 
 
La popolazione siriana è intrappolata in una situazione insostenibile, un gigantesco domino mortale che travolge milioni di innocenti. Parliamo di padri che lasciano le proprie casa alla ricerca di acqua e cibo, non sapendo se faranno ritorno. Parliamo di madri che si affamano pur di sfamare i loro figli. Parliamo di vecchi, troppo deboli per sopportare questa carneficina. Parliamo di donne stuprate ogni giorno dai militari di ogni schieramento. Parliamo di bambini che, invece di giocare, assistono ad atrocità che li segneranno a vita: ed invece di essere a scuola, ad imparare dai loro professori, imparano cosa voglia dire la morte dalla morte stessa, senza possibilità di fuga.
 

Sono stato in Siria nel 2006. Durante il mio viaggio ho visitato la vibrante città di Homs. Non esiste più. Sono passato attraverso la bellissima Hama. Non esiste più. Non sono riuscito a raggiungere la magnifica Aleppo, e me ne pento, perché adesso non esiste più. Non ho notizie delle fantastiche persone che ho incontrato durante il mio viaggio, nemmeno se siano vivi o meno. Mi sento totalmente impotente rispetto a questo situazione, e non c'è nulla che possa fare, nulla che possa avere un impatto diretto sul conflitto. Posso però usare la mia abilità con i social media per far conoscere al mondo le drammatiche condizioni del popolo siriano, nella speranza che altri scrittori seguano il mio appello. Se ognuno scrivesse un blog per supportare la popolazione siriana contro le ingiustizie che sono costretti a sopportare, forse gli uomini al potere sarebbero costretti a fare di più per raggiungere una pace. Se ognuno si unisse a me in questa campagna mediatica incentrata sul fermare queste atrocità, forse le violenze cesserebbero. Se ognuno condividesse sui social media la sua speranza di pace, forse potremmo evitare che altre persone perdano la vita. Come ho scritto in uno dei miei articoli precedenti: "Abbiamo un obbligo morale verso il popolo siriano e i loro discendenti, dobbiamo fare tutto ciò in nostro potere per aiutarli."

Vi chiedo di unirvi a me, affinché le nostre voci vengano ascoltate, costringendo i leader a trovare una soluzione che ponga fine alle ostilità. Non è un'utopia. Con l'aiuto dell'alfabetizzazione digitale e della comunicazione senza confini, possiamo rendere le nostre richieste più forti e concrete. Scrivi un blog, vedremo dove ci porterà.


Se hai perso uno dei miei articoli precedenti sull'argomento, leggi qui sotto. Sentiti libero di condivideli sui tuoi social network. Grazie.


*     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *     *

Se ti piacerebbe scrivere un blog ma non sei registrato a Film Annex, CLICCA QUI e incomincia il tuo viaggio. Ti unirai a una famiglia di scrittori provenienti da tutto il mondo desiderosi di leggere le tue storie. Scrivere su Film Annex è molto semplice: basta cliccare QUI, schiacciare su REGISTRA e incominciare il mio viaggio. Non appena ti sarai registrato. ISCRIVITI alla mia pagina su FIlm Annex: inizierai subito a guadagnare! :-). 

Se stai già scrivendo su Film Annex, consiglia ai tuoi amici di REGISTRARSI, e suggerisci loro di leggere questo articolo: sarà utile per mostrare loro quello che bisogna fare per scrivere un buon blog ed avere successo su Film Annex.

Ti piacerebbe conoscermi meglio? Guarda la MIA INTERVISTA CON FILM ANNEX e scopri la mia opinione sui SOCIAL MEDIA e L'ALFABETIZZAZIONE DIGITALE in tutto il mondo.

Giacomo Cresti

Senior Editor Annex Press

Film Annex

Se hai perso qualcuno dei miei articoli precedenti, puoi trovarli sulla mia pagina personale: http://www.filmannex.com/webtv/giacomo

Seguimi su Twitter: @giacomocresti76 e su Facebook: Giacomo Cresti. Non dimenticare di iscriverti alla mia pagina. :-)

 

 (Traduzione dall'inglese a cura di Nadea Translations)

 



About the author

Antonio-NadeaTranslations

We are an italian couple, Irene lives in Milan and Antonio in Naples. We are studying foreign languages and that's one of our greatest passions, along with cats and ethnic food.

We hope (and work hard!) to bring more and more italian people to Film Annex.

Subscribe 3640
160